Il commentoNews

Vendita immobiliare e simulazione. La disciplina della prova dell’accordo simulatorio

Contratti – Simulazione relativa – Simulazione di contratti per cui è richiesta la forma scritta ad substantiam – Onere della prova della simulazione per iscritto.

c.c. artt. 2724 n. 3, 2725

In tema di contratti per i quali sia richiesta la forma scritta ad substantiam, nell’ipotesi di simulazione relativa, la prova dell’accordo simulatorio deve essere fornita, ex art. 2725 c.c., mediante atto scritto, cioè con un documento contenente la controdichiarazione sottoscritta dalle parti, e, in ogni caso, dalla parte contro la quale esso sia fatto valere in giudizio. In tali casi, la prova testimoniale è fatta salva soltanto nell’ipotesi, prevista dall’art. 2724 n. 3 c.c., di perdita incolpevole del documento. In tale quadro normativo, nell’ipotesi di compravendita immobiliare simulata per interposizione fittizia dell’acquirente, il compratore effettivo, quale parte dell’accordo simulatorio e del contratto dissimulato, laddove intenda avvalersi di quest’ultimo, deve provare l’accordo simulatorio per iscritto.

201600085S4

Articolo Precedente

Il riconoscimento della cittadinanza italiana

Articolo Successivo

Società di persone e cancellazione