Il commentoNewsOrdine degli Avvocati

Vendita auto usata “difettosa” C.C. art. 1490

In materia è stato espresso un importante e “ nuovo “ principio  dalla  Corte di Giustizia.

La sentenza:   C. Giust. UE sent causa C-497-13 pubblicata il 04.06.2015.

La Corte di Giustizia UE ha chiarito meglio come va interpretata la direttiva comunitaria n. 1999/44/CE sulle vendite e garanzie dei beni di consumo. L’interpretazione è estensiva per i consumatori  in materia di compravendita di beni.

Cosicché, per i giudici europei se l’auto usata si guasta a meno di sei mesi dall’acquisto, si presume che il vizio di conformità del veicolo esistesse fin dalla consegna. A carico dell’acquirente solo la prova della presenza del vizio per aver immediatamente diritto alla sostituzione o riparazione gratuita del bene.

In altre parole, il consumatore deve documentare l’esistenza del difetto ma non anche la causa.

Onere del venditore, pertanto,  è la prova contraria . In mancanza deve darsi per certo che il difetto sussisteva prima che l’auto fosse venduta.

 

immagine

Articolo Precedente

1991-2016: il ritorno della Russia, grazie a Putin

Articolo Successivo

Consorzio di Bonifica e perimetro di contribuenza. Specifica contestazione sollevata dal contribuenti. Quali gli effetti?