struttura

Sviluppo Italia: fiore all’occhiello del Molise

Uno strumento operativo per l’attuazione delle politiche di sviluppo, per sostenere e consolidare l’imprenditorialità, per assistere tecnicamente la pubblica amministrazione attraverso la gestione di fondi comunitari, nazionali e regionali: tuto questo, e non solo, è Sviluppo Italia Molise. La società, oggi in house alla Regione Molise, con un capitale sociale di oltre 3 milioni e mezzo di euro, è ormai operativa dal 2001. Quattordici anni in cui sono stati registrati numeri importanti. Grazie al supporto di validi professionisti sono infatti nate più di 1300 nuove attività imprenditoriali, con una erogazione di fondi di quasi 55 milioni di euro, e con investimenti di circa 48 milioni di euro. Solo lo scorso anno, nonostante il periodo di forte crisi, sono venute alla luce 75 diverse ‘realtà’ per un impegno di spesa di 3 milioni di euro.

A fornire numeri e dettagli dei servizi offerti da Sviluppo Italia Molise è l’amministratore unico Claudio Pian. Alla guida della s.p.a. da oltre un anno racconta con soddisfazione gli ultimi risultati raggiunti.

Innanzitutto “la chiusura del 2014 con un utile. Dimostrazione – ha sottolineato Pian – di un lavoro scrupoloso ed attento, che ha visto il sacrificio di tutti i 26 dipendenti che quotidianamente sono impegnati negli uffici dell’agenzia, in stretta collaborazione con i direttori generali della Regione. Siamo coinvolti ed operiamo in diversi campi. Oltre a sostenere i programmi di sviluppo della Regione Molise  e ad aiutare gli imprenditori a progettare i propri investimenti, offriamo servizi personalizzati attraverso il nostro incubatore e siamo il riferimento per investitori che vogliono stabilirsi in Molise (del resto Sviluppo Italia è l’organo esecutivo del Protocollo d’Intesa stabilito tra la Regione e l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa – Invitalia – relativo ad azioni tese a favorire l’attrazione di investimenti esteri)”.

Ma tornando ai numeri, per auto impiego e micro impresa la possibilità di usufruire fino a 25 mila euro nel primo caso e fino a 129 mila euro nel secondo (in convenzione con Invitalia), contributi a fondo perduto per il 47-48%, con restituzione a 5 o 7 anni a tasso dello 0,40%. Misure che da settembre dovrebbero essere rifinanziate, mentre già 30 nuove iniziative sono in cantiere.

Nella panoramica del vertice della struttura di via Crispi a Campobasso, un’attenzione particolare rivolta anche all’Incubatore di imprese di Campochiaro, a  18 km dal capoluogo, che si articola in 38 moduli di dimensioni variabili da 40 a 450 mq, più uno spazio mensa .
La struttura, destinata ad accogliere imprese ad alta tecnologia e manifatturiere, si estende su una superficie di 30.000 mq, di cui 8.370 coperti.
“Attualmente – ha spiegato Pian – contiamo al suo interno 15 aziende, ma l’obiettivo è rivalorizzare il sito che potrebbe presto accogliere altre 10 imprese”.

Ed ancora. Sviluppo Italia Molise è presente pure nell’ambito di Expo 2015, l’esposizione universale incentrata sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Una vetrina internazionale per promuovere e valorizzare le specificità e le eccellenze dei diversi Paesi, in materia di alimentazione e nutrizione.
In occasione di tale evento la Regione Molise ha attivato iniziative per promuovere la conoscenza del territorio sotto il profilo del patrimonio paesaggistico, storico e culturale e delle risorse turistiche, agroalimentari e tecnologiche, promuovendo “Earth & Truffles”
che prevede, appunto in collaborazione con Sviluppo Italia Molise, la progettazione di un pacchetto di itinerari focalizzati su specifiche tematiche, che mirano ad attirare visitatori qualificati (clienti business), puntando sulla conoscenza e la valorizzazione del tessuto imprenditoriale e socio-culturale.
Insomma, un impegno a tutto tondo. “Iniziative portate avanti – ha concluso l’amministratore Claudio Pian – per favorire in buona sostanza un concreto sviluppo economico del territorio, accompagnando aziende o futuri imprenditoriali, gratuitamente, sulla strada dei giusti e vantaggiosi investimenti”.

 

 

Articolo Precedente

“…un’altra riforma del processo civile…” è davvero possibile?

Articolo Successivo

Prestazioni lavorative extra: per la rivendicazione occorre la prova diretta e rigorosa