Iniziativa

Summer School sui ‘Paesaggi del cibo’, c’è anche l’Unimol

L’Università del Molise è impegnata da tempo negli studi sul paesaggio e sulla gastronomia. Il loro rapporto biunivoco, il nesso, lo stretto legame ed il filo reciproco e di interconnessione. Ecco dunque l’ennesima scelta di UniMol di partecipare alla realizzazione della Summer School “Emilio Sereni” sulla storia del paesaggio agrario, una delle più significative esperienze italiane che ogni anno richiama presso l’Istituto Alcide Cervi studiosi afferenti a diverse discipline e operatori impegnati nei diversi campi della scuola e della formazione, dell’amministrazione pubblica, dei musei e dei parchi.

Le iscrizioni sono aperte. L’edizione di quest’anno, la settima, dal titolo “I paesaggi del cibo” sarà inaugurata il 25 agosto all’Expo di Milano e proseguirà fino al 29 agosto nella sede dell’Istituto Cervi di Gattatico – Reggio Emilia. Le lezioni, svolte da docenti di diverse università italiane, saranno articolate in quattro sessioni: Culture del cibo, territori del cibo, filiere del cibo, politiche del cibo e saranno tutte incentrate sui rapporti tra agricoltura, paesaggio e alimentazione, esaminando il legame cibo-paesaggio così come si è venuto configurando nella storia e nell’attualità. La Scuola sarà completata da visite di studio, laboratori e altre iniziative collaterali (mostre, presentazioni di libri, ecc.) La responsabilità scientifica di questa edizione è affidata al prof. Massimo Montanari, uno dei più importanti storici dell’alimentazione, mentre l’intera Summer School è diretta dallo storico Rossano Pazzagli, docente presso il Dipartimento di Bioscienze e Territorio del nostro Ateneo, confermando l’impegno di Unimol per la conoscenza, tutela e valorizzazione del paesaggio agrario, una mission che la Scuola affronta con un’offerta formativa di alto livello. Tra i relatori oltre a Pazzagli ci sarà anche il prof. Davide Marino, docente Unimol di economia agraria e ambientale, e la sociologa molisana Antonella Golino in veste di tutor di uno dei laboratori della scuola.

La Scuola, alla quale è ancora possibile iscriversi (www.fratellicervi.it), si rivolge a tutti gli interessati, in particolare a professori, studenti e dottorandi, come pure ad amministratori, pianificatori, tecnici, funzionari del territorio e delle pubbliche amministrazioni e si propone concretamente come snodo fra ricerca, scuola, cittadinanza attiva e governo del territorio.

L’Università del Molise, convenzionata con l’Istituto Alcide Cervi, è partner scientifico della Summer School con docenti, dottorandi e laureati. “Una opportunità in più – sottolinea il prof. Rossano Pazzagli – per sviluppare la conoscenza di una risorsa come il paesaggio e i suoi legami con la gastronomia, un legame che rappresenta una risorsa essenziale per l’Italia in genere e in particolare per contesti regionali come il Molise che hanno un grande potenziale da sviluppare in questo settore.” Per il programma completo e le modalità di iscrizione: www.istitutocervi.it/argomenti/archivio-paesaggio/summer-school/ _ e-mail: biblioteca-archivio@emiliosereni.it.

Articolo Precedente

Abilitazione scientifica nazionale per i docenti universitari di II fascia, il Tar Lazio accoglie il ricorso di un professore

Articolo Successivo

Avances sessuali nei confronti di un alunno: sentenza legittima?