News

Risarcimento del danno a seguito di sinistro, definita la responsabilità delle parti

Sentenza n. 927/2019 – Tribunale di Vicenza

 

 

E’ ricorsa al giudizio al fine di sentire condannare in solido la convenuta al risarcimento del danno occorso a seguito di un sinistro, quantificato inizialmente in oltre 90mila euro.  Così l’attrice , una azienda agricola, ha ribadito che uno dei suoi trattori, condotto da un dipendente, stava procedendo regolarmente e a velocità moderata quando, dopo aver segnalato la svolta a sinistra ed aver intrapreso la manovra, il mezzo è stato sorpassato ed urtato da un’auto riportando ingenti danni.  Un sorpasso vietato in quel tratto di strada.

Dal canto suo la convenuta ha dichiarato che il mezzo agricolo era seguito da tre auto e che le prime due erano riuscite a superare lo stesso, mentre la terza, si trovava già in fase di sorpasso, quando era stata sorpresa dalla repentina sterzata a sinistra del trattore, senza peraltro apposita preventiva segnalazione.

Peraltro, parte dei danni lamentati erano da imputare al conducente del mezzo agricolo, in quanto lo stesso aveva omesso di spegnere il motore, provocando la fuoriuscita dell’olio e la fusione del motore stesso.

Nel caso di specie, la prova liberatoria di cui all’art. 2054 non è stata fornita.

Il CTU ha dichiarato che effettivamente il sinistro si è svolto per come è stato descritto nel modulo Cai e cioè che il trattore in svolta a sinistra è stato urtato dalla sopraggiungente autovettura.

Prima però di accingersi a svoltare a sinistra, il conducente  del mezzo agricolo avrebbe dovuto accertarsi che nessun veicolo sopraggiungesse. Ciò non è accaduto.

Dunque, il fatto è da ricondursi alla responsabilità delle parti, nella misura del 30% per l’attrice e del 70% per la convenuta

Considerando infine le stime del Ctu circa il danno, il Tribunale ha accolto per quanto di ragione la domanda attorea condannando al pagamento delle spese dovute.

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

Articolo Precedente

Lavori nel condominio, imprenditore chiede saldo del pagamento. Convenuto condannato

Articolo Successivo

Responsabilità per l’esercizio di attività pericolose, convenuta condannata