News

Responsabilità del medico nei confronti del paziente

Nelle controversie aventi ad oggetto l’accertamento della responsabilità del medico nei confronti del paziente è a carico dell’attore (paziente danneggiato) l’onere di provare l’esistenza del contratto  – o il contatto sociale –  e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia ed allegare l’inadempimento del debitore astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato.

Resta a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante.

Tra la paziente ed il presidio ospedaliero era intervenuto un contratto c.d. di spedalità che prevedeva, oltre alla degenza ospedaliera, anche la messa a disposizione del personale sanitario per effettuare l’intervento, sicché si configura una responsabilità della “Struttura” ex art. 1228 c.c.. In altre parole, in tali casi ( errore medico) si verifica una “responsabilità solidale”.

_____________

Nel caso di specie parte convenuta non aveva fornito la prova di una diversa eziologia della lesione lamentata e comunque di una condotta esente da colpa.

Nella controversia de qua la ctu aveva rilevato un intervento chirurgico del quale dalle evidenze in atti non se ne ravvisava la necessità  e che aveva, peraltro, ricondotto causalmente la lesione lamentata da parte attrice ( danneggiata).

 

 

Riferimenti Normativi

C.c.  art. 1228, art. 2697, art. 2043.

Articolo Precedente

Risarcimento del danno da dolo incidente: “incompletezze” ma nessun grave vizio di costruzione

Articolo Successivo

Risarcimento del danno a seguito di sinistro, comportamento non prudente del pedone