Giurisprudenza del LazioIl commentoNews

REATI. L’OFFENSIVITA’ E L’ESIMENTE DELLA TENUITA’ DEL FATTO.
In particolare: il reato di ricettazione

Reati contro il patrimonio – Ricettazione – Circostanza attenuante della particolare tenuità del danno – Presupposti

c.p., artt. 648, 62

In tema di ricettazione è invocabile l’esimente della particolare tenuità del danno, di cui al n. 4 dell’art. 62 c.p., nella sola ipotesi in cui l’attenuante sia stata sotto il profilo della componente soggettiva del fatto. La circostanza attenuante in parola deve escludersi quando il valore della cosa ricettata assurga ad elemento di valutazione per il riconoscimento dell’ipotesi attenuata e ciò al fine di evitare la duplicazione di circostanze favorevoli basate sulla considerazione del medesimo parametro.

Appello Penale Roma 276-2016

Articolo Precedente

IL PROCEDIMENTO PENALE E LA NOTIFICA DELL’AVVISO DELLA CHIUSURA DELLE INDAGINI PRELIMINARI

Articolo Successivo

COMPENSO DEL PROFESSIONISTA.
L’onere della prova ed il visto dell’ordine sulla parcella