Il commentoNews

Reati edilizi e di abusi perpetrati in aree sottoposte a vincoli paesaggistici

Reati edilizi – Abusi in aree sottoposte a vincoli paesaggistici – Irrilevanza della distinzione tra interventi eseguiti in difformità totale e quelli eseguiti in difformità parziale – Ratio.

(D.P.R. 06/06/2001, n. 380).

In tema di reati edilizi e di abusi perpetrati in aree sottoposte a vincoli paesaggistici, ai fini dell’individuazione della sanzione penale, è indifferente la distinzione tra interventi eseguiti in difformità totale o parziale ovvero in variazione essenziale, in quanto l’art. 32, comma 3° del D.P.R. n. 380 del 2001, prevede espressamente che tutti gli interventi realizzati in zona sottoposta a vincolo paesaggistico eseguiti in difformità dal titolo abilitativo, inclusi quelli eseguiti in parziale difformità, si considerano come variazioni essenziali e, quindi, quali difformità totali.

Tribunale di Firenze, sezione I, sentenza del 10 marzo 2017, n. 21, Giudice, dott.sa L. Gatto.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

CONTRIBUTI PUBBLICI – DOCUMENTAZIONE. INTEGRAZIONE DEL REATO DI TRUFFA

Articolo Successivo

IL REATO DI TRUFFA NELLE TRATTATIVE DI VENDITA