News

Rapporto di lavoro fittizio, scatta la condanna

Sentenza n. 667/2019 – Tribunale Penale di Nocera Inferiore

 

 

Ha fatto risultare all’Inps un rapporto di lavoro alle dipendenze di una ditta (per l’anno 2011-2012) in realtà fittizio, procurandosi un ingiusto profitto per oltre 2900 euro, a titolo di indennità assistenziali e previdenziali varie.

L’azienda in questione appartenente ad un gruppo composto da diverse ditte operanti nel confezionamento e imballaggio di generi non alimentari. In queste ultime erano stati assunti numerosi dipendenti per periodi circoscritti e per i quali, successivamente, erano state inoltrate domande di disoccupazione.

Tra le irregolarità rilevate da un ispettore Inps pure l’assenza della azienda presso l’indirizzo segnalato.

Così nella sede anagrafica della titolare il sequestro delle cartelle esattoriali per contributi previdenziali dei dipendenti non versati

Valutati tutti gli elementi a disposizione il giudice ha dichiarato l’imputata colpevole del reato ex art. 640 co 2 n. 1 cp. Concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena, subordinatamente alla restituzione dell’importo indicato, detratta la somma eventualmente recuperata attraverso confisca.

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

 

 

Articolo Precedente

Relazione extraconiugale, in Tribunale per la separazione e richieste della moglie

Articolo Successivo

Controversie nei rapporti bancari