Il commentoNews

PROCEDIMENTO CIVILE: il litisconsorzio necessario e la mancata integrazione del contraddittorio

Litisconsorzio processuale – Mancata integrazione del contraddittorio – Cancellazione della causa dal ruolo – Automaticità ed immediatezza del provvedimento – Irrilevanza di un’eccezione specifica e formale.

(C.p.c., artt. 209, 307).

In tema di litisconsorzio processuale, nel caso di mancata integrazione del contraddittorio, il provvedimento di cancellazione della causa dal ruolo, ai sensi dell’art. 291, comma 2° e 307, comma 3° c.p.c., comporta l’automatica estinzione del processo senza che sia possibile provvedere successivamente alla riassunzione dello stesso. L’estinzione immediata dal giudizio opera a prescindere da una formale eccezione in tal senso e comporta che, anche in mancanza di eccezione formale, si perviene ad una pronuncia di mero rito esplicativa dell’impossibilità di proseguire la controversia mancando una parte necessaria del giudizio.

Appello Civile Campobasso 102-2016

Articolo Precedente

IL GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E LA FASE ISTRUTTORIA

Articolo Successivo

L’APPALTO, LA CONSEGNA DELL’OPERA E L’ACCETTAZIONE TACITA