Conferenza Stampa

Previsione della qualità dell’aria, l’Arpa Molise fa il salto di qualità

L’Arpa Molise è tra le pochissime agenzie presenti in Italia ad utilizzare oggi un sistema previsionale della qualità dell’aria.

Un sistema modellistico innovativo e puntuale per informare l’utenza sulle previsioni a tre giorni appunto della qualità dell’aria su tutto il territorio regionale con riferimento ai parametri dell’ozono, del biossido di azoto e del PM 10.

Nella sede dell’Arpa Molise, a Campobasso, illustrati tutti i dettagli dal direttore generale Quintino Pallante e dall’ingegner Luigi Pierno, affiancati dai dirigenti Alberto Manfredi Selvaggi e Remo Manoni.

Come spiegato, il Molise è attualmente dotato di 11 centraline di monitoraggio, posizionate nei maggiori centri urbani della regione, che però forniscono un quadro limitato della situazione. Vi sono infatti vaste porzioni di territorio prive di informazioni.

Così, con il sistema modellistico, viene effettuato un salto di qualità enorme, riuscendo a monitorare le aree dove sono assenti le stazioni fisse.

E’ inoltre possibile comprendere le relazioni tra emissioni e immissioni, discriminare i contributi delle diverse sorgenti alle concentrazioni in una determinata area e determinare i contributi transfrontalieri e quelli derivanti da fenomeni di trasporto su larga scala, come ad esempio le polveri sahariane.

E’ poi possibile prevedere la qualità dell’aria sulla base di scenari ipotetici di emissione, effettuare la valutazione annuale della qualità dell’aria ed avanzare valutazioni di ricaduta di sorgenti emissive.

In buona sostanza si parte da griglie su ampia scala per poi finire a quella più piccola, in tal caso riferita al Molise, tenendo in considerazione le previsioni meteorologiche ed ovviamente i dati anagrafici. Attraverso uno specifico percorso basato su modelli matematici si giunge quindi al sistema previsionale della qualità dell’aria.

Le attività, in costante fase di definizione, è seguibile sul sito dell’Arpa Molise.

Articolo Precedente

Lavoro: la legittimità del contratto di formazione

Articolo Successivo

Separazione dei coniugi ed affidamento dei figli: battaglie giudiziarie spesso inutili e defatiganti