News

Prefettura ritira la patente, Tribunale accoglie ricorso

Sentenza n. 561/2019 – Tribunale di Trieste, Sezione Civile

 

 

Si è rivolto al Tribunale chiedendo l’annullamento del provvedimento della Prefettura di revoca della patente di guida. Provvedimento seguito alla perquisizione dell’abitazione del ricorrente in cui era stato rinvenuto dello stupefacente: hashish.

Come ribadito dalla difesa, però, nessuna concreta valutazione di merito era stata svolta dall’Amministrazione per ritenerlo moralmente inidoneo a mantenere la propria patente di guida senza la quale sarebbe incorso nel serio rischio di perdere il lavoro. La Prefettura, inoltre, avrebbe il potere di revoca solo previa valutazione in concreto dell’insussistenza dei requisiti morali del titolare del documento di circolazione.

La richiesta della Prefettura, invece, quella di dichiarare l’inammissibilità dell’opposizione o l’infondatezza nel merito.

La domanda del ricorrente si ricollega ad un diritto soggettivo, trattandosi di impugnazione di un atto che non esprime giudizio di discrezionalità amministrativa e che quindi deve riconoscersi la giurisdizione del Giudice ordinario.

Il Tribunale ha accolto il ricorso.

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

Articolo Precedente

Annunci ingannevoli, condannato per truffa

Articolo Successivo

Incapace di partecipare coscientemente al processo, il giudice dichiara di non doversi procedere