Il commentoNews

NOVITA’ IN CASA EQUITALIA IN MATERIA DI PIGNORAMENTI IMMOBILIARI

Ipoteca nulla se prima non si avvisa il debitore.

A chiarirlo è la Cassazione con una recente sentenza .

Il provvedimento è il n. 9797/2016 con il quale è stato respinto il ricorso dell’agente della riscossione avverso la sentenza di cancellazione dell’ipoteca iscritta senza la previa comunicazione al contribuente della procedura coattiva.

Secondo la Suprema Corte l’ipoteca  ” … va riferita ad una procedura alternativa all’esecuzione forzata vera e propria, sicché può essere effettuata anche senza la necessità di procedere alla notifica dell’intimazione di cui all’art. 50, secondo comma, del d.p.r. n. 602 citato, la quale è prescritta per l’ipotesi in cui l’espropriazione forzata non sia iniziata entro un anno dalla notifica della cartella di pagamento”. Tuttavia, in tema di riscossione coattiva delle imposte, prima dell’iscrizione dell’ipoteca su beni immobili, ai sensi dell’art. 77 del citato d.pr., l’amministrazione finanziaria è tenuta a “comunicare al contribuente che procederà alla suddetta iscrizione, concedendo al medesimo un termine – che può essere determinato, in coerenza con analoghe previsioni normative, in trenta giorni – per presentare osservazioni od effettuare il pagamento”. 

Cosicché, va da se che l’assenza “….. di tale contraddittorio endoprocedimentale comporti la nullità dell’iscrizione ipotecaria per violazione del diritto alla partecipazione al procedimento, garantito anche dagli artt. 41, 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali della Unione europea, fermo restando che, attesa la natura reale dell’ipoteca l’iscrizione mantiene la sua efficacia fino alla declaratoria giudiziale d’illegittimità”.

Articolo Precedente

PACCHETTO TURISTICO.
QUANDO L’ALLOGGIO DELUDE

Articolo Successivo

IL DOMICILIO FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE