News

Nessuna pretesa di proprietà su garage, assolti gli imputati

Sentenza n. 545/2019 – Tribunale di Nocera Inferiore, Sezione Penale

 

 

 

Al fine di esercitare un preteso diritto di proprietà su un’area pertinenziale adibita a garage posizionavano le proprie autovetture ostruendo l’area di manovra ed ostacolando l’accesso e l’uscita da parte degli altri comproprietari (parenti) ed inquilini dello stabile. Due fratelli sono così finiti a giudizio.

I querelanti hanno rappresentato uno scenario di litigiosità con gli imputati

Agli atti che la ripartizione dei posti auto nell’area pertinenziale era avvenuta sulla base di una scrittura privata stipulata nel 1993 tra tutti i fratelli.

Dal canto loro gli imputati hanno affermato di non aver mai creato problemi e di aver parcheggiato l’autovettura sempre nei posti assegnati.

La dinamica fattuale emersa dall’istruttoria dibattimentale non ha consentito però di ritenere provata la sussistenza del delitto contestato e nel caso in esame difettano plurime componenti del fatto tipico della disposizione incriminatrice

Il comportamento in oggetto si arresta allo stadio di una mera situazione di litigiosità priva di rilevanza penale. Provato un unico episodio ma seppur l’inconveniente si sia ripetuto più volte, il comportamento degli imputati non integra la fattispecie di reato contestata: E’ mancata la condotta violenta e non si è rilevato alcun danneggiamento.

Pertanto per il giudice assolti i due imputati

 

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

 

 

Articolo Precedente

Si sottrae agli obblighi di responsabilità genitoriale, ex marito condannato

Articolo Successivo

Contrae epatite dopo trasfusione, Ministero condannato al risarcimento