News

Nessun raggiro dei clienti, assolto promotore finanziario

Sent. n. 405/2019 – Tribunale di Taranto, Prima Sezione Penale

 

 

E’ finito a giudizio con l’accusa di aver simulato attraverso artifizi, raggiri e falsa documentazione bancaria, la fruttuosità di diversi investimenti operati a nome di 4 clienti (appartenenti ad unico nucleo familiare), inducendo questi ultimi in errore sull’andamento dei medesimi investimenti e cagionando danni per centinaia di migliaia di euro, con un ingiusto profitto derivante dalle provvigioni maturate.

Il Tribunale è stato chiamato ad appurare se il promotore finanziario abbia o meno ingannato i clienti circa la fruttuosità degli investimenti.

Analizzati i documenti prodotti ritenute credibili le giustificazioni addotte dall’imputato circa la pluralità e varietà degli investimenti operati dai ricorrenti. Non può dirsi provato che l’imputato, attraverso appunti manoscritti, volesse ingannare i titolari del patrimonio che, a loro volta, ricevevano puntuale rendicontazione al proprio domicilio.

Quanto ad altra specifica documentazione non emerge nulla che predisponga falsa rendicontazione al fine di ingannare i clienti. Inoltre non è stato indicato quali siano stati gli investimenti che abbiano avuto una redditività inferiore a quella prevista e quindi quelli sui quali avrebbe avuto effetto la presunta opera ingannatoria posta in essere dall’imputato

Sulla scorta delle singole considerazioni, il Tribunale ha assolto il promotore finanziario

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

Articolo Precedente

Commenti contro la Giunta Comunale su Facebook, nessun procedimento per tardività nella querela

Articolo Successivo

Truffa on line: verifica delle circostanze di tempo, luogo e persona