News

Mantenimento del minore, regresso e risarcimento del danno

Sentenza n. 7782/2019 – Tribunale di Roma, I Sezione Civile

 

 

A seguito della cessata relazione con il coniuge e dell’affidamento della figlia minore, con incontri settimanali anche con il padre, l’attrice ha denunciato il convenuto per abusi sessuali nei confronti della bambina. Disposti pertanto appuntamenti in forma protetta della minore con l’uomo.

In evidenza la corresponsione mensile di 250 euro da parte del padre per il mantenimento della minore e la richiesta di portare il medesimo contributo a 350 euro.  Nelle richieste dell’attrice pure la partecipazione del convenuto al 50% delle spese straordinarie, oltre la refusione degli anticipi operati sempre per il mantenimento della bambina, superiori a 17mila euro.

Valutando le circostanze, il Tribunale ha determinato in 300 euro l’assegno a carico del convenuto quale contributo al mantenimento della figlia, da rivalutarsi secondo gli Indici Istat, oltre all’intervento per  50% delle spese straordinarie.

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

 

Articolo Precedente

Contrae epatite dopo trasfusione, Ministero condannato al risarcimento

Articolo Successivo

Dichiarazione di cittadinanza italiana iure sanguinis