Il commentoNews

LOCAZIONE: IL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFATTO

Locazioni – Procedimento – Convalida – Sfratto – Mutamento – Rito – Memorie – Integrative – Inammissibilità – Domande – Nuove.

c.p.c. art. 426, 667

In tema di procedimento per convalida di sfratto, con il mutamento del rito, le parti possono depositare memorie integrative, ma in esse non possono essere formulate domande nuove, la cui inammissibilità è rilevabile anche d’ufficio e non è sanabile con l’accettazione del contraddittorio sul punto, con l’unico limite della formazione del giudicato.

Tribunale di Lecce, sezione II, sentenza del 07 marzo 2017, n. 995, Giudice, Dott. A. Maggiore.

Articolo Precedente

INADEMPIMENTO CONTRATTUALE. L'ONERE DELLA PROVA NEL GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Articolo Successivo

PROCURA ALLE LITI E DIFETTO DI RAPPRESENTANZA