Il commentoNews

L’OBLAZIONE.
L’inefficacia di giudicato nel procedimento civile azionato per il risarcimento del danno

 

 

Richiesta risarcitoria – Pronuncia di estinzione del reato – Pagamento dell’oblazione – Condotta illecita – Procedimento civile – Inefficacia del giudicato penale – Accertamento autonomamente svolto dal giudice.

c.c. artt. 2043, 2051

In materia di richiesta risarcitoria avanzata ai sensi degli artt. 2043 e 2059 del Codice Civile, deve ritenersi che la pronuncia di estinzione del reato a seguito del pagamento, da parte del prevenuto, dell’oblazione come normativamente prevista, non assume efficacia di giudicato nel procedimento civile successivamente intentato al fine di ottenere una pronuncia sulle responsabilità conseguenti all’illecita condotta. Ne consegue che il relativo accertamento dovrà essere svolto in maniera autonoma dal Giudice Civile.

Tribunale Civile Treviso 179-2016

 

Articolo Precedente

Remissione di querela

Articolo Successivo

CONTRATTI BANCARI.
L’inclusione delle c.m.s. nel calcolo dell’usura