Il commentoNews

LO STOP DELLA CASSAZIONE AL MANTENIMENTO DEI FIGLI MAGGIORENNI CHE SONO FUORICORSO ALL’UNIVERSITA’

Severo il  monito della Suprema Corte per quei figli che frequentano l’università senza “ brillanti risultati”.

Il caso è quello di due genitori separati che hanno dato a entrambi i figli la possibilità di frequentare l’università ma che si trovano nella condizione dei cd. “fuoricorso”.

Il provvedimento in esame ( n. 1858/16) sovverte il precedente e costante orientamento giurisprudenziale secondo il quale l’obbligo del mantenimento  per i figli maggiorenni cessa definitivamente solo se viene dimostrata l’indipendenza economica degli stessi cosicché  il fatto che  gli stessi siano da più anni fuoricorso all’università non fa venir meno il dovere di contribuzione.

Il ricorso proposto dalla ex moglie avverso la decisione della Corte Territoriale che revocava l’assegno di mantenimento del genitore obbligato al versamento dell’assegno in questione veniva formulato ricorrendo, proprio, a detto orientamento giurisprudenziale.

Ebbene, la Corte di Cassazione, chiamata a decidere , ha ribadito che il dovere di mantenimento del figlio maggiorenne cessa ove il genitore onerato dia prova che il figlio abbia raggiunto l’autosufficienza economica  o, anche, quando il genitore provi che il figlio –  pur posto nelle condizioni di raggiungere una autonomia economica – non ne abbia tratto profitto, sottraendosi volontariamente allo svolgimento di una attività lavorativa adeguata e corrispondente alla professionalità acquisita.

Sulla base di detti principi la Suprema Corte ha confermato la revoca dell’assegno di mantenimento.

Articolo Precedente

Ancora sul deposito del foglio di precisazione delle conclusioni ed il Processo civile telematico

Articolo Successivo

IL PROCEDIMENTO PENALE E LA NOTIFICA DELL’AVVISO DELLA CHIUSURA DELLE INDAGINI PRELIMINARI