Legalità

L’Istituto Montini tornà sulla Nave delle Legalità tra emozioni e soddisfazione

Anche quest’anno la Nave della Legalità è pronta a salpare da Civitavecchia e l’Istituto Comprensivo “L. Montini” di Campobasso, ancora una volta, parteciperà all’iniziativa che porterà 1500 studenti a Palermo per commemorare il XXVII anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio.

La scuola del capoluogo molisano sarà rappresentata da 4 bambini delle classi 5^A, 5^ B, 5^ C e 5^D, accompagnati dalle insegnanti Nicoletta De Niro e Carmela Andrianò. Con loro altri gruppi da Termoli e Venafro. Tutti scelti dopo la partecipazione al bando di concorso “Follow the money. Da Giovanni Falcone alla Convenzione ONU di Palermo contro la criminalità organizzata transnazionale”.

Ciascun Istituto ha presentato dei lavori. Il Provveditorato allo studio ed una commissione a Palermo hanno selezionato i migliori e gli autori di questi ultimi hanno conquistato con soddisfazione un posto sulla Nave della Legalità.

La partenza ci sarà mercoledì 22 maggio alle ore 18. Alla banchina 8 del porto di Civitavecchia previsto il saluto del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Con lui, interverrà pure il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, che poi accompagnerà gli studenti durante il viaggio, insieme ad alcune autorità e personalità impegnate nella lotta alla mafia e nella difesa della giustizia.

Dopo una notte di navigazione si giungerà in Sicilia dove ad accogliere i partecipanti ci saranno numerosi ragazzi palermitani. Una tappa ai villaggi della legalità e all’albero di Falcone, senza tralasciare l’Aula Bunker dove è fissata la cerimonia di premiazione.

Ampia sarà la riflessione sulla “Convenzione di Palermo” è entrata in vigore il 29 settembre 2003 ed è stata ratificata da 189 Stati.

 

Articolo Precedente

Deficienza strutturale dell’immobile, locatore destinato a ripristinare l’equilibrio contrattuale o sciogliere il contratto

Articolo Successivo

A ‘Medicina’ da una facoltà affine e senza test di ingresso: la decisione del Tar Lazio