Il commentoNews

L’INGIUNZIONE AVENTE AD OGGETTO ONERI CONDOMINIALI

In particolare: la natura di obbligazioni propter rem dei crediti per contributi condominiali.

 

Contributi condominiali – Crediti – Obbligazioni propter rem – Effetti – Approvazione consuntivo dopo l’entrata in vigore della L. n. 220 del 2012 – Applicabilità della nuova disciplina.

Disp.att.c.c. art. 67; L. 11.12.2012, n. 220, art. 1

La natura di obbligazioni propter rem dei crediti per contributi condominiali, comporta che gli stessi, seppure sorti prima dell’entrata in vigore della L. n. 220 del 2012, sono soggetti alla operatività della nuova normativa qualora i relativi effetti si esauriscano con l’approvazione del consuntivo avvenuto dopo l’entrata in vigore della novella. In tal senso, invero, a seguito della approvazione assembleare del consuntivo e del preventivo e dei relativi riparti, il condomino diviene debitore del condominio e l’obbligazione entra nel suo patrimonio, in quanto la deliberazione di approvazione delle spese, adottata dall’assemblea e divenuta inoppugnabile, fa sorgere l’obbligo di pagare al condominio i contributi dovuti, perché con essa viene attualizzato l’obbligo dei singoli di far fronte agli oneri condominiali stabiliti dalla legge. Nel caso in esame, ne consegue, che, poiché l’obbligazione per le spese ordinarie è insorta solo con l’approvazione della delibera avvenuta dopo l’entrata in vigore della L. n. 220 citata, deve ritenersi sussistente la solidarietà tra il nudo proprietario e l’usufruttuario per i crediti condominiali, come sancito dal nuovo disposto di cui all’art. 67 delle disposizioni di attuazione al codice civile.

Tribunale Civile Milano 2603-2016

Articolo Precedente

IPOTESI DI INOPERATIVITA’ DELLA ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

Articolo Successivo

IL GIUDIZIO PER IL RISARCIEMNTO DEL DANNO DERIVANTE DA CIRCOLAZIONE STRADALE