Fisco e tributiIl commentoNews

L’IMPUGNAZIONE NEL PROCESSO TRIBUTARIO E LA SPECIFICITA’ DEI MOTIVI

Evitare la genericità di un’impugnazione – Specificità dei motivi – Argomentazioni che confutano le statuizioni di primo grado – Dissenso della decisione – Dissenso nella sua interezza – Mera riproposizione dei motivi contenuti nell’atto introduttivo.

Al fine di evitare la generalità di un ricorso e conformemente al disposto di cui all’art. 53 del Decreto Legislativo del 31 dicembre 1992, n. 546, deve ritenersi necessario che l’appellante svolga delle argomentazioni in grado di incrinare il fondamento logico giuridico di quanto statuito nella sentenza di primo grado finanche mostrando un dissenso della decisione che la investa nella sua interezza ma mantenendo la specificità dei motivi anche solo come mera riproposizione di quelli contenuti nell’atto introduttivo.

(Commissione Tributaria Regionale di Roma del 22/02/2016 n. 944 sezione 14; Pres. Amodio Alberto, Rel. Massella Ducci Teri Massimo)

CTR Roma 944-2016 Sez. 14

Articolo Precedente

SOCIETA' CAPOFILA DI UN GRUPPO DI IMPRESE. COSTI, IVA E DETRAIBILITA'

Articolo Successivo

Carta di credito. Furto e rimborso.