Il commentoNews

LA TUTELA DEI LAVORATORI

La fattispecie dell’insolvenza del datore di lavoro.

Quale la tutela previdenziale del lavoratore?

Insolvenza del datore di lavoro e tutela dei lavoratori – Copertura contributiva – Presupposti – Disciplina.

D.Lgs. 27/01/1992, n. 80, art. 1

Nell’ambito del rapporto di lavoro subordinato, l’art. 1 del D.Lgs. n. 80 del 1992 prevede la copertura previdenziale in favore della imprese assoggettabili a fallimento e delle aziende che non siano sottoponibili a procedure concorsuali, ma per le quali sia risultato infruttuoso il tentativo di realizzazione del credito attraverso l’esecuzione forzata. Per siffatte ipotesi la legge disciplina il termine a ritroso entro il quale devono collocarsi le retribuzioni inevase, dovendosi trattare delle ultime tre retribuzioni maturate nell’arco dei dodici mesi anteriori rispetto all’apertura della procedura concorsuale ovvero alla data di inizio dell’esecuzione forzata. A tal riguardo la S.C. ha ritenuto che il termine a ritroso potesse decorrere dalla data di presentazione dell’istanza per l’apertura della procedura concorsuale, ritenendo però che secondo un’interpretazione costituzionalmente orientata della normativa dovesse farsi decorrere a ritroso tale termine fin dalla data di proposizione della domanda di riconoscimento giudiziale del credito lavoristico, quale incombente necessario per le successive iniziative esecutive.

Appello Lavoro Genova 84-2016

Articolo Precedente

LA CONCESSIONE EDILIZIA IN SANATORIA

Articolo Successivo

SUCCESSIONE. La comunione ereditaria ed il criterio dell’estrazione a sorte.