Il commentoNews

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DELLO STRANIERO

Protezione – Internazionale – Straniero – Requisiti – Riconoscimento – Status – Rifugiato – Politico – Protezione – Sussidiaria.

(D. Lgs. 19/11/2007 n. 251, art. 14)

In tema di protezione internazionale dello straniero, ai fini del riconoscimento dello “status” di rifugiato politico ovvero della protezione sussidiaria, l’esame dei requisiti necessari richiede un diverso grado di personalizzazione del rischio oggetto di accertamento: nella protezione sussidiaria, infatti, è dato cogliere, rispetto al rifugio politico, una attenuazione del nesso causale tra la vicenda individuale ed il rischio rappresentato, sicché nelle ipotesi di cui all’art. 14, lett. a) e lett. b) del D. Lgs. 19 novembre 2007 n. 251, l’esposizione dello straniero al rischio di morte o a trattamenti inumani e degradanti, pur dovendo rivestire un certo grado di individualizzazione, non deve avere i caratteri più rigorosi del “fumus persecutionis”, mentre, con riferimento alla ipotesi di cui alla lett. c) del medesimo articolo, è sufficiente la situazione di violenza indiscriminata e di conflitto armato nel paese di ritorno, anche in mancanza di un diretto coinvolgimento individuale nella situazione di pericolo.

Corte di Appello di Campobasso, sentenza del 07 settembre 2016, n. 273, Giudice, Pres. P. Di Croce.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

RESPONSABILITA' CIVILE. Danni derivati ad un bene immobile da un illecito comportamento: il giudizio risarcitorio

Articolo Successivo

PROCEDIMENTO CIVILE: la norma di cui all'art. 169 c.p.c.