Il commentoNews

LA CONTRAFFAZIONE ALIMENTARE

Cenni generici.

Di particolare interesse ed attualità la questione “in titolo” in una società sempre più alla ricerca della conoscenza della derivazione dei prodotti che acquista stante la libera circolazione delle merci e prodotti.

Lo scopo è solo quello di dare una generale “ infarinatura”  sui concetti.

Ebbene.

La contraffazione alimentare è detta anche “agropirateria”.

La stessa  è a sua volta distinta in falsificazione degli alimenti e falsificazione del marchio.

  • La falsificazione degli alimenti, o , anche, sofisticazione è  nota anche come “frode sulla qualità”.   Essa , consiste nella produzione o modificazione di un alimento non naturale perché composto da sostanze diverse per qualità o quantità da quelle che, di norma, lo formano.   Cioè , il prodotto,  viene “modificato”  con la “sostituzione, sottrazione e/o integrazione”  degli elementi che lo compongono.
  • La falsificazione del marchio o della indicazione di provenienza geografica o della denominazione di origine – indicati sullo stesso prodotto alimentare con l’etichetta o sulla confezione che lo contiene, è detta , anche  “frode sull’origine”. In questi casi si verifica, in genere,  una  riproduzione abusiva del brevetto di produzione dell’alimento. Ciò, però, non significa necessariamente che sia nocivo per il consumatore. Si tratta, per lo più, “ confondere” il prodotto dal marchio falsificato con uno di provenienza diversa ( magari meno nota).
Articolo Precedente

Reati di usura ed estorsione

Articolo Successivo

LA CONTRAFFAZIONE ALIMENTARE