News

Installazione dell’ascensore, condominio evocato in giudizio

Sentenza n. 17961/2018

V Sezione Civile del Tribunale di Roma

 

 

Condominio evocato in giudizio da due condomini per una deliberazione, in ordine all’installazione dell’ascensore, ritenuta illegittima per:

  • omessa indicazione dei nomi dei condomini dissenzienti e assenti nonchè delle carature mm dei partecipanti;
  • mancata indicazione nominativa dei deleganti e dei delegati
  • perché la votazione non aveva raggiunto i quorum violando il diritto di conseguire l’installazione dell’ascensore a spese ed a carico del soggetto che aveva venduto l’appartamento.

Richiesto pertanto che la medesima delibera fosse annullata con dichiarazione di nullità. Ma per il condominio l’assemblea aveva nuovamente deliberato sull’argomento chiedendo di dichiararsi cessata la materia del contendere, attesa l’infondatezza dell’avversa domanda, decidendo di installare l’ascensore.

Una decisione non più idonea ad incidere concretamente sulla res litigiosa né sotto il profilo della validità/invalidità della delibera impugnata né sotto il profilo delle sue ‘conseguenze’.

Precisate le conclusioni, causa trattenuta in decisione con i termini ex art. 190 cpc.

Per il giudicante necessario pervenire declaratoria di soccombenza teorica degli attori.

Ed invero, alla luce della documentazione prodotta nel primo verbale si ricavabili

i nomi degli assenti, dei dissenzienti e le rispettive carature mm. Regolare la costituzione dell’assemblea. Il nome dei partecipanti di persona o per delega ricavabile dal confronto fra i nomi dei condomini e quelli a verbale, presenti con i soggetti che hanno firmato a lato dell’elenco portando a ritenere la partecipazione di persona.

Inoltre rispettato il quorum previsto per la rimozione di barriere architettoniche

 

Non sussistenti, quindi, i presupposti per sanzionare il convenuto dichiarata cessata la materia del contendere. Condannati gli attori in solido a rifondere, a controparte, le spese di lite, liquidate in complessivi € 3250,00 per compensi, oltre iva, cpa e spese generali. Spese distratte.

Articolo Precedente

Scioglimento di comunione ereditaria improponibile e inammissibile

Articolo Successivo

Giornalista a Molise Acque, dal Tar arriva lo ‘stop’