Il commento

Inadempimenti nell’assistenza familiare

Il mancato o parziale versamento nei confronti del coniuge separato di quanto allo stesso dovuto a titolo di mantenimento in base al decreto di omologa della separazione, non può ricondursi alla fattispecie di reato di cui all’art. 3 della L. n. 54 del 2006. Ed infatti, si precisa che, in tema di reati contro la famiglia, la violazione degli obblighi di natura economica posti a carico del genitore separato, cui si applica la disposizione dell’art. 12 sexies delle legge sul divorzio (L. n. 898 del 1970), stante il richiamo operato dalla previsione di cui all’art. 3 della L. n. 54 del 2006 (recante disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli), riguarda unicamente l’inadempimento dell’obbligo di mantenimento in favore dei figli (minorenni e maggiorenni), dovendosi escludere invece l’inadempimento di analogo obbligo posto nei confronti del coniuge separato, cui è applicabile la tutela già predisposta dall’art. 570 c.p.. All’uopo, si evidenzia che non si ha violazione del principio di correlazione tra imputazione contestata e reato ritenuto in sentenza, nella ipotesi in cui l’imputato sia condannato per il reato di cui all’art. 12 sexies della legge sul divorzio, in luogo di quello di cui all’art. 570 c.p., che figura nell’atto di accusa poiché, pur presentando le due ipotesi criminose presupposti ed elementi strutturali diversi, la condotta presa in considerazione dall’art. 12 sexies rientra nel più ampio paradigma di cui all’art. 570, comma 2, n. 2, c.p., essendo nella prima ipotesi sufficiente accertare il fatto della volontaria sottrazione all’obbligo di corresponsione dell’assegno determinato dal tribunale e non occorrendo, quindi, come riconosciuto dalla Corte costituzionale con sentenza n. 472 del 1989, che dall’inadempimento consegua anche il far mancare i mezzi di sussistenza, elemento invece necessario ai fini dell’integrazione della seconda figura criminosa.

 

Avv. Daniela Morrone

 

sentenza n. 744-2015

Articolo Precedente

"Dalle strade italiche alle vie del web"

Articolo Successivo

Europa dei popoli o Europa delle banche?