Giurisprudenza del LazioIl commentoNews

IMMOBILE E LIMITAZIONE AL GODIMENTO DEL BENE

Fatto – Incidenza negativa sul valore dell’immobile – Diritto al risarcimento da parte di chi lo subisce – Commisurazione.

(C.c. art. 2043).

La incidenza negativa di un fatto sul valore dell’immobile comporta inevitabilmente il diritto, in capo a chi lo subisce, al risarcimento, da commisurarsi alla limitazione del godimento del bene stesso. Peraltro, anche la violazione di caratteristiche dell’immobile, quali l’amenità e la tranquillità, costituisce fonte di danno patrimoniale. Di talché nel caso concreto merita di essere riformata, in quanto recante insufficiente e contraddittoria, la pronuncia giudiziale che, nonostante abbia riconosciuto che la violazione delle norme antincendio abbia determinato una situazione di pericolo, incidente inevitabilmente sotto il profilo del valore dell’unità abitativa, abbia negato il risarcimento sul presupposto della carenza di prova di una effettiva lesione del patrimonio.

Corte di Appello di Roma, sezione III; sentenza del 9 marzo 2017, n. 1579; Pres. Dr. F. Tirelli.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

APPELLO CIVILE. I motivi dell'appello.

Articolo Successivo

SUCCESSIONE EREDITARIA. COLLAZIONE