Il commentoNews

IL REATO DI TRUFFA NELLE TRATTATIVE DI VENDITA

Reati contro il patrimonio – Truffa contrattuale – Circostanze del reato – Presupposti per la configurabilità della condotta – Casistica.

(C.p., art. 640).

In materia di truffa contrattuale, anche il silenzio, maliziosamente serbato su circostanze rilevanti ai fini della valutazione delle reciproche prestazioni da parte di colui che abbia il dovere di farle conoscere, integra l’elemento del raggiro, idoneo ad influire sulla volontà negoziale del soggetto passivo. La giurisprudenza ritiene sussistenti gli estremi della fattispecie, nella condotta del costruttore di un immobile, il quale, nella fase delle trattative per la vendita dello stesso, ed anche successivamente alla stipula del preliminare, ometta di riferire all’altro contraente che il bene è gravato da ipoteca, facendosi versare cospicui acconti.

Tribunale di Firenze, sezione II, sentenza del 7 marzo 2017, n. 22, Giudice, dott. M. Bouchard.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

Reati edilizi e di abusi perpetrati in aree sottoposte a vincoli paesaggistici

Articolo Successivo

RAPINA IMPRORIA. ACCERTAMENTO