Il commentoNews

IL REATO DI INSOLVENZA FRAUDOLENTA.

Insolvenza fraudolenta – Condotta del prevenuto – Mantenere il creditore all’oscuro – Contrazione dell’obbligazione – Proposito preordinato – Mancato adempimento della propria prestazione – Assenza di preordinazione intenzionale – Mero illecito civile.
c.p. art. 641
Ai fini della configurabilità del reato di insolvenza fraudolenta di cui all’art. 641 del Codice Penale è sufficiente anche una condotta del prevenuto intesa a tenere il creditore all’oscuro del proprio stato di insolvenza al momento in cui contrae l’obbligazione con il proposito preordinato di non adempiere la dovuta prestazione a differenza del caso in cui manchi, invece, la preordinazione intenzionale e che integra un mero illecito civile.

Tribunale Penale Ascoli Piceno 395-2016

Articolo Precedente

IL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO ED IL DANNO DA PERDITA DI CHANCES.

Articolo Successivo

LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO: LA TUTELA DEL LAVORATORE.