Il commentoNews

Il reato di cui all’art. 617 bis c.p. e la sua qualificazione. Intercettazioni telegrafiche o telefoniche abusive

Montaggio apparecchiatura satellitare al di sotto di un’autovettura – Fine – Controllo spostamenti – Rilevanza ex art. 617 bis c.p. – Esclusione.

(C.p. art. 617 bis).

La condotta consistita nel montaggio di una apparecchiatura satellitare al di sotto di un’autovettura, per finalità di controllo degli spostamenti della stessa, non può essere qualificata giuridicamente come il reato di cui all’art. 617 bis c.p.. Al contrario opinando, e dunque estendendo analogicamente l’ipotesi di reato, ne risulterebbe violato il principio di tassatività, giacché la fattispecie astratta fa riferimento soltanto alle intercettazioni telegrafiche o telefoniche abusive.

Tribunale di Campobasso; sentenza del 16 febbraio 2017, n. 58; Giudice Monocratico Dr.ssa R. D’Onofrio.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

CORSO DI PERFEZIONAMENTO SUL PROCESSO TRIBUTARIO

Articolo Successivo

CONTRIBUTI PUBBLICI – DOCUMENTAZIONE. INTEGRAZIONE DEL REATO DI TRUFFA