Fisco e tributiIl commentoNews

IL PROCESSO TRIBUTARIO E L’IMPUGNAZIONE

L’onere d’impugnazione specifica  di cui all’art. 53 del D. Lgs. 31 dicembre 1992 n. 546

Processo tributario – Appello – Motivi – Onere – Specificità – Amministrazione Finanziaria.

In tema di processo tributario, laddove l’Amministrazione Finanziaria si limiti a ribadire e riproporre in appello le stesse ragioni e argomentazioni poste a sostegno della legittimità del proprio operato, come già dedotto in primo grado, in quanto considerate dalla stessa idonee a sostenere la legittimità dell’avviso di accertamento annullato, è da ritenersi assolto l’onere d’impugnazione specifica previsto dall’art. 53 del D. Lgs. 31 dicembre 1992 n. 546, secondo il quale il ricorso in appello deve contenere i motivi specifici dell’impugnazione e non già nuovi motivi, atteso il carattere devolutivo pieno dell’appello, che è un mezzo di impugnazione non limitato al controllo di vizi specifici della sentenza di primo grado, ma rivolto ad ottenere il riesame della causa nel merito.

Lgs. 31/12/1992 n. 546, art. 53

CTR Campobasso 161-2016 Sez. 2

Articolo Precedente

L’ACCERTAMENTO DEL REDDITO ED IL METODO INDUTTIVO

Articolo Successivo

L’EFFICACIA DELLA LEGGE NEL TEMPO NEL REGIME DI SUCCESSIONE DELLE LEGGI