Il commentoNews

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

Pacchetto turistico tutto compreso – Organizzatore – Assunzione di specifici obblighi contrattuali – Inadempimento – Responsabilità contrattuale – Esclusione – Oneri probatori.

D.Lgs. 23.05.2011, n. 79, art. 49; c.c. art. 1458

A fronte della sottoscrizione da parte del consumatore del contratto avente ad oggetto un pacchetto turistico tutto compreso, l’organizzatore assume specifici obblighi contrattuali, soprattutto di tipo qualitativo, inerenti a modalità del viaggio, sistemazione alberghiera, livello dei servizi, ecc.. Qualora siffatte prestazioni non siano esattamente adempiute, sussiste la responsabilità contrattuale ed il conseguente obbligo risarcitorio dell’organizzatore, salvo la prova della non imputabilità dell’inadempimento, derivante da eventi successivi alla stipula del contratto, quali il caso fortuito o la forza maggiore, ovvero l’esclusiva responsabilità del terzo o del consumatore. Trattandosi di responsabilità contrattuale, spetta al viaggiatore allegare il titolo del viaggio ed i relativi inadempimenti di controparte, mentre all’organizzatore spetta provare di aver agito con normale diligenza, di aver fatto tutto il possibile per evitare i danni e, eventualmente, la sussistenza di un caso fortuito o di forza maggiore a sua scriminante. (Nella fattispecie gli attori avevano allegato e provato la fonte negoziale del proprio diritto, evidenziando l’inesatto adempimento della società convenuta che, invece, non aveva provato il proprio esatto adempimento, limitandosi a contestare i fatti allegati dagli attori. Di talché, era pronunciata la risoluzione del contratto per inadempimento di non scarsa importanza della convenuta, con restituzione della somma versata dagli attori).

Tribunale Civile Ivrea 315-2016

Articolo Precedente

IL PRINCIPIO EX ART. 115 C.C. La contestazione tempestiva di fatti.

Articolo Successivo

IPOTESI DI INOPERATIVITA’ DELLA ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI