FacebookFisco e tributiIl commentoNews

Il contributo unificato nel ricorso tributario.

L’invito al versamento e/o alla integrazione da parte della Commissione Tributaria non è assimilabile all’accertamento.

Invito della Commissione Tributaria – Integrazione o versamento di contributo unificato – Trenta giorni – Atti dovuti ex lege – Nessun addebito di interessi o sanzioni – Nessuna assimilazione ad un vero e proprio accertamento – Inammissibilità del ricorso proposto.

D.Lgs. 12.11.1992, n. 542, art. 19

L’invito rivolto dalla Commissione Tributaria ad integrare ovvero a versare un contributo unificato entro trenta giorni relativamente al deposito che la parte abbia fatto di un ricorso rientra tra gli atti dovuti ex lege senza addebito di interessi o di sanzioni sicché non rientra nel dettato di cui all’art. 19 del Decreto Legislativo del 12 novembre 1992 n. 542 né appare assimilabile ad un vero e proprio accertamento. Ne consegue che debbano ritenersi inammissibili i ricorsi proposti avverso tale atto.

CTRGE-223-03-2016

immagine

Articolo Precedente

DEBITO DEL CONTRIBUENTE. Riscossione.

Articolo Successivo

Facebook. Un’altra sentenza della Cassazione che ricorda che l’utilizzo di termini offensivi sul social network integra il reato di diffamazione.