Fisco e tributiIl commentoNews

Il concessionario per la riscossione ed i limiti del potere di procedere ad espropriazione immobiliare

Concessionario per la riscossione – Iscrizione ipoteca – Espropriazione immobiliare – Autonomia – Obblighi preliminari – Prova adempimento.

D.P.R. 29.09.1973, n. 602, artt. 50, 77, 79

Il concessionario per la riscossione che adempia gli obblighi di notifica di cui all’art. 50, D.P.R. n. 602 del 1973, può iscrivere ipoteca ex art. 77, comma 1, D.P.R. n. 602, ovvero procedere alla espropriazione immobiliare se l’importo complessivo del credito per cui si procede supera complessivamente ottomila euro, ai sensi dell’art. 76, D.P.R. n. 602. Qualora il credito per cui si procede sia inferiore al 5% del valore dell’immobile da sottoporre ad espropriazione determinato ai sensi dell’art. 79, D.P.R. n. 602, il concessionario prima di procedere ad espropriazione deve iscrivere ipoteca sull’immobile e deve procedere alla espropriazione entro sei mesi dalla predetta iscrizione se il debito non è stato estinto dal debitore. La formulazione letterale dell’art. 77, comma 1, D.P.R. n. 602 consacra, dunque, l’autonomia della iscrizione ipotecaria dal procedimento di espropriazione forzata, in quanto affinché la cartella esattoriale sia titolo valido per la iscrizione ipotecaria è sufficiente il rispetto del termine di cui al solo comma 1 dell’art. 50, mentre affinché l’esecuzione forzata intrapresa in forza di quella cartella sia procedibile è necessario l’adempimento dell’ulteriore onere di cui all’art. 50, comma 2, D.P.R. n. 602. (Nel caso concreto, difettando l’allegazione, da parte del concessionario, dell’adempimento esatto di tali formalità, con particolare riguardo alla notifica dell’avviso di cui all’art. 50, comma 2, D.P.R. n. 602, in accoglimento della proposta opposizione, deve dichiaratasi l’improcedibilità dell’azione esecutiva intrapresa).

Tribunale Civile Taranto 445-2016

Articolo Precedente

Amministrazione e trasparenza.
Incarichi, l’affidamento diretto e l’insufficienza della Delibera comunale in assenza della successiva stipula del contratto scritto

Articolo Successivo

Riforma del processo civile.
In particolare: la condanna alle spese processuali