Fisco e tributiNews

ICI. BENEFICI PRIMA CASA

Il requisito della residenza.

Benefici ICI prima casa – Requisito della residenza – Riferimento alla famiglia – Diversa residenza del coniuge di chi ha acquistato in regime di comunione – Irrilevanza.

Ai fini del riconoscimento dei benefici ICI per l’abitazione principale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, di talché ove l’immobile acquistato venga adibito a residenza della famiglia, non rileva la diversa residenza del coniuge di chi ha acquistato in regime di comunione. I coniugi, invero, non sono tenuti ad una comune residenza anagrafica, ma reciprocamente alla coabitazione (art. 143 c.c.), con la conseguenza che una interpretazione della legge tributaria conforme ai principi del diritto di famiglia induce a considerare che la coabitazione con il coniuge costituisce un elemento adeguato a soddisfare il requisito della residenza ai fini tributari, in quanto ciò che conta non è tanto la residenza dei singoli coniugi, quanto quella della famiglia. L’esposto principio, generalmente dettato in relazione ai benefici prima casa, deve ritenersi, pertanto, estensibile anche al caso delle agevolazioni ICI per la residenza principale, trattandosi in entrambe le ipotesi di stabilire un criterio di individuazione della residenza del soggetto che, in quanto coniuge, si ispiri alla normativa a tutela della famiglia.

Commissione Tributaria Regionale di Roma n. 814 del 17/02/2016, sez. 37.

CTR Roma 814-2016 Sez. 37

 

Articolo Precedente

Carta di credito. Furto e rimborso.

Articolo Successivo

IL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO E GLI ELEMEMTI RILEVANTI AI FINI DELLA SUA QUALIFICAZIONE