Il commento

Estinzione di una società e fenomeno successorio

Il fenomeno della estinzione di una società attraverso la cancellazione dal Registro delle Imprese comporta diverse conseguenze connesse al coinvolgimento o meno della società stessa in un giudizio civile già pendente. Ed infatti, a tale fenomeno non corrisponde il venir meno di ogni rapporto giuridico in capo alla società estinta se non nell’ipotesi in cui il giudizio non sia ancora iniziato poiché, in tale evenienza, sussiste una vera e propria preclusione della stessa ad essere convenuta in giudizio. Nell’eventualità, invece, in cui la cancellazione sopravvenga ad un giudizio in corso, si verifica il cosiddetto fenomeno successorio in forza del quale, mutuando la norma di cui all’art. 2495 del codice civile dettata nello specifico per le società di capitali ed applicata in via analogia anche alle società di persone, si verifica unicamente un evento interruttivo del processo cui applicare la normativa ex artt. 299 e seguenti del codice di procedura civile con ogni conseguenza in ordine alla possibilità che lo stesso processo venga riassunto dai soci o contro i soci della società estinta i quali risponderanno dei debiti sociali ai sensi dell’art. 2324 del codice civile nei limiti di quanto ricevuto ovvero illimitatamente a seconda della dichiarazione resa.  (C.c. artt. 2324, 2495, C.p.c. art. 299)

 

141-2015

Articolo Precedente

Riconoscimento dell'assegno divorzile: il tenore di vita pregresso non è più l'unico parametro

Articolo Successivo

Regione senza alcuna... ragione