Fisco e tributiIl commentoNews

EQUITALIA: DDL DI ROTTAMAZIONE. Cosa prevede?

Il disegno di Legge è stato chiamato “rottamazione dei ruoli”, anche se  non si tratta di una vera e propria “sanatoria“.

La proposta presentata al Senato , sollecitata dalle continue richieste di cittadini ed imprenditori vessati dai debiti con lo Stato  con l’ impulso del Movimento oppressi dal fisco è volto  a tutelare detti soggetti  attraverso l’iniziativa che Equitalia dovrebbe assumere nei confronti degli stessi attraverso la “offerta” di un piano di rientro, che sarà commisurato alle effettive difficoltà economiche riscontrate nel pagamento dei debiti con Equitalia.

Non sarà più il cittadino, dunque,  a dover chiedere la formulazione di un piano di rateizzazione, ma proprio il concessionario di riscossione.

Quanto al meccanismo che dovrebbe essere applicato, i tributi e le imposte dovranno essere pagate al 75% nel caso in cui i contribuenti si trovino “in grave difficoltà finanziaria”. Fatto salvo, il pagamento per  intero dell’IVA ed i contributi previdenziali. Per i contribuenti invece in “momentanea difficoltà finanziaria”,  è previsto uno sconto del 4,5 %,  con stralcio  di interessi, sanzioni e aggio.

Nel DDL sono indicate anche le rate che saranno differenti e determinate sulla base del debito del contribuente nei confronti del Fisco. Per i debiti inferiori a 50, 000 euro il debito sarà estinto con otto rate trimestrali pagabili in due anni. Se i debiti, invece,  sono superiori al predetto importo le rate trimestrali  sono dodici, pagabili in un triennio.

Articolo Precedente

Processi troppo lunghi. La cd. Legge Pinto e l’indennizzo

Articolo Successivo

Il procedimento civile e le ordinanze revocabili.
L’ordinanza-ingiunzione di cui all’art. 186 ter c.p.c. : NATURA.