Il commentoNews

Distanze legali: violazione

Distanze – Legali – Costruzioni – Normativa – Finalità – Pubblicistica – Violazione – Diritto – Riduzione in pristino – Conseguenza – Automatica.

(c.c. art. 873).

Nell’ipotesi di costruzione realizzata in violazione delle norme sulle distanze legali, in considerazione delle finalità di natura pubblicistica perseguite in materia dal legislatore, il diritto del vicino alla riduzione in pristino consegue ipso iure, con la conseguenza che il giudice non ha alcun margine di accertamento e di valutazione in ordine ai pregiudizi determinati dalla violazione posta in essere e, in particolare, alla formazione di eventuali intercapedini pericolose o dannose.

Tribunale di Padova, sezione II, sentenza del 28 maggio 2016, n. 1657, Giudice, Dott. G. Bertola.

Richiedi la sentenza

 

Articolo Precedente

CONDOMINIO NEGLI EDIFICI. La delibera avente ad oggetto voci di spesa.

Articolo Successivo

LA CHIAMATA DEL TERZO NEL PROCEDIMENTO CIVILE