Il commentoNews

CONTRIBUTI PUBBLICI – DOCUMENTAZIONE. INTEGRAZIONE DEL REATO DI TRUFFA

Produzione falsa certificazione per conseguire indebitamente contributi pubblici – Induzione in errore dell’ente – Integrazione del delitto di truffa.

(C.p. art. 640).

La condotta delittuosa consistita nella produzione di una falsa certificazione finalizzata a conseguire indebitamente dei contributi pubblici, integra il delitto di truffa e non anche quello di indebita percezione di erogazioni pubbliche, ogni qualvolta l’ente venga indotto in errore e non solo chiamato a prendere atto dell’esistenza dei requisiti autocertificati. Di talché integra il delitto di truffa aggravata la condotta del soggetto che con artifici e raggiri, integrati dalla produzione di falsa certificazione sanitaria in uno alle istanze di rimborso, abbia in tal modo indotto in errore la struttura ospedaliera al fine di ottenere la corresponsione di somme non dovute (come nella specie).

Tribunale di Campobasso; sentenza del 16 febbraio 2017, n. 62; Giudice Monocratico Dr.ssa R. D’Onofrio.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

Il reato di cui all'art. 617 bis c.p. e la sua qualificazione. Intercettazioni telegrafiche o telefoniche abusive

Articolo Successivo

Reati edilizi e di abusi perpetrati in aree sottoposte a vincoli paesaggistici