Il commentoNews

CONTRATTO PRELIMINARE E CONTRATTO DEFINITIVO

Vendita – Immobili – Contratto – Definitivo – Espressione – Volontà – Parti – Ammissibilità – Difformità – Contratto – Preliminare.

c.c. artt. 1351, 1470

In tema di compravendita di beni immobili, il contratto definitivo non è una mera ripetizione del contratto preliminare, ma rimane l’unica fonte di diritti e di obblighi per le parti che l’hanno sottoscritto. Ne consegue che il contratto preliminare resta superato dal contenuto del contratto definitivo, corrispondente alla volontà delle parti, eventualmente mutata rispetto a quella manifestata nel preliminare e la disciplina ed il contenuto negoziale del definitivo possono anche essere difformi da quelli del contratto preliminare.

Tribunale di Lecce, sentenza del 07 marzo 2017, n. 990, Giudice, Dott. G. Nocera.

Richiedi la sentenza

Articolo Precedente

L'OPPOSIZIONE DELL'INTIMATO ALLA CONVALIDA DI SFRATTO. INAMMISSIBILITA'

Articolo Successivo

PROPRIETA' ED AZIONI PETITORIE. L'AZIONE DI RILASCIO