Economia

Come spendere i fondi europei, dal Formez le risorse per la formazione

Soddisfazione manifestata dal presidente di palazzo Magno, Rosario De Matteis

Dalla Provincia di Campobasso giunge una buona notizia. Il progetto “Net P.A.- progettazione e sviluppo locale” è stato ammesso a finanziamento da parte di Formez P.A. L’iniziativa rientra nell’ambito del bando “Esperi@” volta a migliorare le capacità di spesa e di gestione dei fondi europei da parte degli enti locali per la programmazione comunitaria 2014-2020, formando e specializzando il personale presente nelle varie amministrazioni.

“Sono molto soddisfatto – ha commentato il presidente di palazzo Magno, Rosario De Matteis – per l’ampia partecipazione che l’iniziativa progettuale della Provincia, “Net.P.A. – progettazione e Sviluppo Locale”, ha avuto. Questa iniziativa rappresenta l’ennesimo riconoscimento all’Ente provinciale per la qualità delle proprie proposte progettuali. Sono già 3, infatti, i progetti approvati nell’arco di un solo mese. Mi complimento con la nostra struttura per la qualità e l’impegno profuso nel lavoro. Personalmente sono convinto che questa sia la strada da seguire nel futuro immediato ovvero la nostra partecipazione a bandi di caratura internazionale e nazionale. Net P.A. ha visto l’adesione di oltre 28 comuni del territorio provinciale e oltre 110 dipendenti pubblici che potranno seguire i corsi di alta formazione professionale e i master dedicati all’europrogettazione. Proprio in previsione della Nuova Programmazione 2014/2020 che l’Ente di via Roma ravvede la necessità di rafforzare talune competenze strategiche proprio in riferimento ai macro ambiti che la caratterizzeranno (Analisi e Programmazione, Gestione e realizzazione degli interventi, Monitoraggio e controllo, Valutazione e rendicontazione dei risultati, Ambiente, Politiche del Lavoro).  Il progetto è nato partendo dai grandi cambiamenti che in questi ultimi anni hanno interessato l’assetto normativo del “lavoro pubblico” ed in considerazione delle modifiche e dei processi avviati che,  su più ambiti, hanno interessato l’attività della Pubblica Amministrazione, la necessità di incentivare e migliorare la formazione ha assunto un ruolo rilevante non solo come strumento di aggiornamento  e di sviluppo delle competenze, ma soprattutto come strumento di raccordo e come facilitatore dei futuri cambiamenti. L’obiettivo della nostra proposta, infatti, è l’azione formativa e specialistica del personale dipendente a sostegno delle sviluppo di nuove competenze nelle Amministrazioni aderenti. In particolare l’azione formativa e specialistica dovrà accompagnare e allo stesso tempo seguire il processo di evoluzione ed il percorso di cambiamento in considerazione del ruolo della nostra regione, in primis, ma anche e soprattutto dell’Ente Provincia, nel sistema di governance della autonomie locali e delle riforme normative introdotte nell’ambito del lavoro pubblico. In ragione di ciò l’azione formativa dovrà focalizzarsi sullo sviluppo delle competenze professionali e manageriali, non solo del personale con  responsabilità, e sul potenziamento di una nuova formula organizzativa del lavoro finalizzata al miglioramento della performance individuale. I corsi inizieranno nel mese di marzo 2015”.

Articolo Precedente

CalendEsercito, la Grande Guerra...un Popolo in armi

Articolo Successivo

Province: rischio esuberi per 20 mila dipendenti, licenziamento per i precari