News

Asl, case di cura e strutture minori: controversie devolute al giudice ordinario

Massima sent. n. 2148/2019 – Tribunale di Torino, Ottava Sezione Civile

 

 

 

Sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie, concernenti indennità, canoni o altri corrispettivi, nelle quali sia contestata l’applicazione della cosiddetta regressione tariffaria nei rapporti qualificabili come concessione di pubblico servizio, tra le Ausl e le case di cura o le strutture minori, quali laboratori o gabinetti specialistici, laddove la controversia abbia ad oggetto soltanto l’accertamento, chiesto da una struttura sanitaria equiparata agli ospedali di diretta gestione pubblica, della non debenza delle somme chieste in restituzione dalla ASL in ragione della asserita incompletezza delle cartelle cliniche relative ai ricoveri ( nel caso di specie il Tribunale ha ritenuto che la controversia concernesse il pagamento di indennità, canoni o altri corrispettivi, ai sensi dell’art. 133 1° comma lett. c) d.lgs. 104/2010).

 

 

 

Riferimenti Normativi

C.p.c.  art. 37

 

 

La sentenza in esame può essere richiesta per mezzo di Lexgenda alla voce ‘Richiedi una sentenza’

Articolo Precedente

Abbandona il tetto coniugale perché il marito è violento: accolte richieste della consorte

Articolo Successivo

Impresa assente su Pagine Bianche e Gialle, condannata la Compagnia responsabile